Città di Venezia
Pubblica amministrazione

GARA N. 82/2018 – LAVORI DI REALIZZAZIONE, RISTRUTTURAZIONE E AMPLIAMENTO RELATIVI AGLI STABILIMENTI BALNEARI DI LUNGOMARE D'ANNUNZIO A LIDO DI VENEZIA. /CUP F73B18002840005, CIG 7640721A6D

Oggetto: GARA N. 82/2018 – LAVORI DI REALIZZAZIONE, RISTRUTTURAZIONE E AMPLIAMENTO RELATIVI AGLI STABILIMENTI BALNEARI DI LUNGOMARE D'ANNUNZIO A LIDO DI VENEZIA. /CUP F73B18002840005, CIG 7640721A6D
Tipo di fornitura:
  • Lavori
Tipologia di gara: Procedura Aperta
Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente più vantaggiosa
Modalità di espletamento della gara: Telematica
Importo complessivo a base d'asta: € 3.132.939,04
Importo, al netto di oneri di sicurezza da interferenze e iva, soggetto a ribasso: € 3.072.940,15
Oneri Sicurezza (Iva esclusa): € 59.998,89
CIG: 7640721A6D
CUP: F73B18002840005
Stato: In svolgimento
Centro di costo: Servizio Gare e contratti
Data pubblicazione: 16 novembre 2018 8:00:00
Termine ultimo per la presentazione di quesiti: 17 gennaio 2019 12:00:00
Data scadenza: 25 gennaio 2019 12:00:00
Documentazione gara:
Documentazione amministrativa richiesta:
  • DGUE
  • Domanda di partecipazione
  • Autocertificazione
  • Documento di Identità
  • Contributo ANAC
  • Cauzione - Fidejussione
  • Eventuali documenti integrativi
  • requisiti di capacità tecnica
  • sopralluogo
  • raggruppamento o consorzio
  • avvalimento
  • subappalto
  • passoe
Per richiedere informazioni: gare@comune.venezia.it

Pubblicazioni ai sensi dell'art. 29 D.lgs. 50/2016

Nome Data pubblicazione Categoria
nomina presidente 27/02/2019 13:09 Altri Documenti
nomina seggio 27/02/2019 13:09 Altri Documenti
nomina commissione 27/02/2019 13:09 Altri Documenti
graduatoria con punteggi 12/03/2019 13:41 Altri Documenti
AVVISO AMMESSI ED ESCLUSI 06/02/2019 18:05 Atti di aggiudicazione
avviso ammessi esclusi 18/03/2019 09:43 Atti di aggiudicazione
Curriculum vitae Arch. Alberto Chinellato 04/02/2019 12:49 Curriculum commissari
Curriculum vitae dott. Cristian Tonetto 04/02/2019 12:50 Curriculum commissari

Risposte alle domande più frequenti (FAQs)

FAQ n. 1

Domanda:

Buona sera, con la presente siamo a porre n. 2 quesiti di tipo amministrativo e più precisamente: 1- Al punto 16.3 precisazione n.5 viene indicato che: " Le dichiarazioni possono essere rese, per tutti i soggetti di cui all'art. 80, comma 3, del Codice, dal legale rappresentante del concorrente". Verificando però nel Modello A questa opportunità non è riportata. Quindi è obbligatorio che ogni soggetto dichiari la proprio posizione nel Modello 2 o come si può fare per far dichiarare il Legale Rappresentante anche per conto degli altri soggetti? 2- Nell'elenco dei documenti richiesti ai partecipanti viene indicato il DGUE che non è presente tra la documentazione Amministrativa allegata al Bando/Disciplinare di gara. Vi chiediamo cortesemente se il DGUE deve essere redatto su modulo standard sia dalla partecipante che dai subappaltatori o se lo stesso non deve essere redatto da nessuno dei soggetti sopra indicati? Nell'attesa di ricevere Vs cortese riscontro, cogliamo l'occasione per ringraziare e porgerVi i ns più cordiali saluti.

Risposta:

DOMANDA 1 AL PUNTO 16.3 PRECISAZIONE N.5 VIENE INDICATO CHE: " LE DICHIARAZIONI POSSONO ESSERE RESE, PER TUTTI I SOGGETTI DI CUI ALL'ART. 80, COMMA 3, DEL CODICE, DAL LEGALE RAPPRESENTANTE DEL CONCORRENTE". VERIFICANDO PERÒ NEL MODELLO A QUESTA OPPORTUNITÀ NON È RIPORTATA. QUINDI È OBBLIGATORIO CHE OGNI SOGGETTO DICHIARI LA PROPRIO POSIZIONE NEL MODELLO 2 O COME SI PUÒ FARE PER FAR DICHIARARE IL LEGALE RAPPRESENTANTE ANCHE PER CONTO DEGLI ALTRI SOGGETTI? RISPOSTA 1 E' STATO AGGIUNTO IL MODELLO PER L'ISTANZA DI PARTECIPAZIONE IN FORMATO EDITABILE IN MODO CHE POTRA' ESSERE OPPORTUNAMENTE MODIFICATO AGGIUNGENDO LA PRECISAZIONE CHE LE DICHIARAZIONI VENGONO RESE DAL RAPPRESENTANTE LEGALE PER CONTO DEI SOGGETTI DI CUI ALL'ART. 80, COMMA 3, DEL DLGS 50/2016. TALE MODELLO PUO' ESSERE UTILIZZATO ANCHE DA CIASCUN SUBAPPALTATORE E ANCHE IN QUESTO CASO IL RAPPRESENTANTE LEGALE PUO' RILASCIARE LE DICHIARAZIONI PER CONTO DEI SOGGETTI EX ART. 80. COMMA 3. DOMANDA 2 NELL'ELENCO DEI DOCUMENTI RICHIESTI AI PARTECIPANTI VIENE INDICATO IL DGUE CHE NON È PRESENTE TRA LA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA ALLEGATA AL BANDO/DISCIPLINARE DI GARA. VI CHIEDIAMO CORTESEMENTE SE IL DGUE DEVE ESSERE REDATTO SU MODULO STANDARD SIA DALLA PARTECIPANTE CHE DAI SUBAPPALTATORI O SE LO STESSO NON DEVE ESSERE REDATTO DA NESSUNO DEI SOGGETTI SOPRA INDICATI? RISPOSTA 2 PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PRESENTE PROCEDURA DI GARA NON E' NECESSARIA LA PRESENTAZIONE DEL DGUE.

FAQ n. 2

Domanda:

La Lista delle categorie da compilare citata nel Disciplinare di gara non si trova tra gli elaborati scaricati, ci sono soltanto i Computi e gli elenchi prezzi, va compilata oppure è un refuso?

Risposta:

E' stata aggiunto il file denominato "lista delle categorie di lavorazioni" come modello da utilizzare per la presentazione dell'offerta economica.

FAQ n. 3

Domanda:

Al punto 19.2 del Bando di Gara lettera e) criterio 2.3 si chiedono proposte tecniche per 5 componenti del fabbricato (porte, controsoffitti, tende, tenuta all’acqua delle coperture, tenuta all’acqua nell’interrato).  Poco oltre però, quando si indicano i criteri di valutazione, a questi cinque si aggiunge un sesto criterio (pareti interne) con questa ripartizione dei punti nei 6 sub-criteri: pareti interne da 0 fino a punti 1; porte da 0 fino a punti 1; controsoffitti da 0 fino a punti 1; - tende da 0 fino a punti 1; coperture da 0 fino a punti 3; interrato da 0 fino a punti 3. Il tutto per un totale di 10 punti. Si chiede se si debbano o meno presentare offerte migliorative rispetto alle pareti interne e con quali obbiettivi e contenuti. In caso negativo si chiede quale debba essere ritenuta la corretta ripartizione dei punteggi tra gli altri sub-criteri.

Risposta:

Si chiede al concorrente di formulare proposte migliorative dal punto di vista qualitativo di resistenza meccanica agli urti e di resistenza all’acqua e umidità delle pareti/contropareti.

FAQ n. 4

Domanda:

Al punto 19.2 del Bando di Gara lettera g) criterio 2.5 (implementazione servizi area benessere piscina) si chiede se la valutazione sarà in termini prioritariamente qualitativi come scritto al secondo capoverso (“Il sub-criterio sarà valutato in termini prioritari per quanto attiene la completezza della miglioria proposta in termini di durabilità e qualità dei materiali proposti, oltre che al numero stesso”) oppure in termini meramente quantitativi indipendentemente dalle caratteristiche qualitative di ciascun elemento, come scritto subito dopo (“Il punteggio massimo sarà assegnato all’offerente che proporrà il numero massimo di elementi, i restanti concorrenti saranno parametrati in base al primo”).

Risposta:

Si ritiene qualitativamente migliore l’offerta che sappia sapientemente proporre delle soluzioni volte a migliorare la quanlità dei servizi della piscina. A parità di qualità verranno premiate le ditte che proporranno un numero maggiore di dotazioni.

FAQ n. 5

Domanda:

  Al punto 19.2 del Bando di Gara lettera h) criterio 2.6 (Manutenzione) si chiede se la valutazione sarà in termini anche qualitativi come scritto al secondo capoverso (Il sub-criterio sarà valutato in termini temporali di estensione del periodo di assistenza, ma anche per quanto attiene alle caratteristiche di durabilità e della ricambistica nonché al numero di interventi previsti nell’arco di tempo garantito) oppure il punteggio verrà attribuito sulla base di criteri meramente quantitativi, come sembra scritto al paragrafo successivo (“Il punteggio massimo sarà assegnato all’offerente che proporrà il numero massimo di mesi, i restanti concorrenti saranno parametrati in base al primo”).

Risposta:

Il criterio verrà valutato in funzione della durabilità e della ricambistica nonché al numero di interventi offerti nell'arco di tempo garantito. A parità di qualità, verranno premiate le ditte che proporranno un maggior ampio arco temporale.

VEDI RETTIFICA PUBBLICATA IN DATA 13/12/2018

FAQ n. 6

Domanda:

Si chiede se è possibile mettere a disposizione le tavole di stato di fatto del progetto esecutivo dell’intervento

Risposta:

No, in quanto essendo il sopralluogo obbligatorio non lo si ritiene utile, alla luce delle demolizioni che nel frattempo Venezia Spiagge ha eseguito

FAQ n. 7

Domanda:

Si chiede se è possibile mettere a disposizione il parere della Soprintendenza sul progetto più volte citato nei documenti di gara

Risposta:

Non lo si ritiene  utile e necessario per la definizione della proposta economica, in quanto il progetto esecutivo recepisce tutte le indicazioni della stessa

FAQ n. 8

Domanda:

Chiediamo se l’RTI così composto è sufficiente a coprire le categorie e le classifiche richieste:

CAPOGRUPPO MANDATARIA: in possesso di SOA cat. OG1 class. VI - OG11 class. I

MANDANTE in possesso di SOA cat. OG11 class. III – OS28 class. I -  OS30 class. I

Risposta:

Buongiorno,

in virtù del cd principio dell'assorbenza previsto dal tuttora vigente art. 79, comma 16, del DPR 207/2010, è ammessa la partecipazione del raggruppamento.
 

FAQ n. 9

Domanda:

In seguito alla rettifica del bando, relativamente al criterio 2.3 , si chiede di chiarire se oltre le migliorie delle pareti interne, sono richieste migliorie anche per le restanti componenti( porte interne, controsoffitti, tende e sistema di tenuta dell'acqua in copertura e nell'interrato)

Risposta:

Si chiedono migliorie a tutte e 6 le componenti: 1. pareti interne 2. porte interne ed esterne; 3. controsoffitti; 4. tende area bar fronte piscina; 5. sistema di tenuta all'acqua della copertura; 6. sistema di tenuta dell'acqua dell'interrato.

FAQ n. 10

Domanda:

E’ POSSIBILE ALLEGARE ALLA RELAZIONE TECNICA LE SCHEDE TECNICHE DEI PRODOTTI UTILIZZATI COME MIGLIORIA, OVVIAMENTE NON CONTEGGIANDO LE PAGINE DELLE SCHEDE TECNICHE NEL NUMERO DI PAGINE UTILIZZATO PER LA RELAZIONE.

Risposta:

le cartelle che saranno valutate sono quelle indicate nel bando, il materiale inviato in eccedenza non sarà valutato.

FAQ n. 11

Domanda:

Con riferimento alla suddivisione dello spazio piscina in zona adulti e zona baby si chiede se: 1. L’altezza della zona baby è di mt 0,60 ? (nelle tavole sembrerebbe un altezza comune per due zone di mt 1,50; tale misura non è però ammissibile per una piscina per bambini UNI 10637) 2. La parete di separazione tra la zona baby e quella adulti è una parete-setto senza alcuna apertura e/o foro di comunicazione tra le due piscine ?

Risposta:

1) L’altezza della vasca è di 1,50 m, mentre la zona ricreativa, e quindi non per bambini, ha altezza variabile da 50 cm a 100cm, come previsto dalla norma UNI.

2) Sì, non sono previsti fori o aperture.

FAQ n. 12

Domanda:

Buongiorno, si chiede gentilmente se vi è possibile pubblicare i file relativi alla lista delle lavorazioni e forniture nonché computi metrici estimativi ed elenco prezzi in formato editabile e/o dwg ai fini di una più celere e corretta redazione dell'offerta. Distinti saluti.

Risposta:

No, non è possibile. Il materiale disponibilie è quello pubblicato.

FAQ n. 13

Domanda:
In riferimento a quanto indicato al punto 11.5 del disciplinare di gara, si chiede in quali modalità la polizza debba essere prodotta anche in forma cartacea dato che la gara è telematica e sarà presentata tramite piattaforma.
Nel caso si tratti di un refuso, si chiede se sia sufficiente produrre polizza con firma digitale dell'assicuratore, corredata da dichiarazione sostitutiva del soggetto sottoscrittore della polizza, e firmata digitalmente dal concorrente.
Risposta:
trattasi di un refuso.
Pertanto la polizza dovrà essere firmate digitalmente dall'assicuratore e dal concorrente.

L'assicuratore dovrà firmare digitalmente anche la dichiarazione sostitutiva.

FAQ n. 14

Domanda:

Si chiede cortesemente conferma dell'importo garantito con la cauzione provvisoria. Nel disciplinare al punto 11 è specificata la cifra € 61.458,80, che corrisponde al 2% sull'importo soggetto a ribasso e non comprensivo degli oneri della sicurezza.

Risposta:

Si conferma l'importo indicato nel disciplinare di gara, data la modesta entità degli oneri della sicurezza.

FAQ n. 15

Domanda:

CON RIFERIMENTO AL PUNTO 11.5 DEL DISCIPLINARE DI GARA RIGUARDANTE LA CAUZIONE PROVVISORIA, VIENE RICHIESTA CHE VENGA PRODOTTA UNA COPIA CARTACEA DELLA STESSA, SOTTOSCRITTA IN ORIGINALE DAL GARANTE.

PRESENTANDO LA CAUZIONE PROVVISORIA NELLA FORMA DI DOCUMENTO INFORMATICO SOTTOSCRITTO CON FIRMA DIGITALE DAL SOGGETTO IN POSSESSO DEI POTERI NECESSARI PER IMPEGNARE IL GARANTE E CONTROFIRMATA DIGITALMENTE DAL CONTRAENTE, SI CHIEDE SE E’ CORRETTO FARE UNA COPIA DEL DOCUMENTO INFORMATICO PRESENTATO, FIRMATO E TIMBRATO DA PARTE DEL GARANTE E DEL CONTRAENTE, VISTO CHE NON PARLIAMO DI UNA COPIA INFORMATICA DI DOCUMENTO ANALOGICO.

SI CHIEDE, INOLTRE, DI CONOSCERE L’INDIRIZZO DI SPEDIZIONE DELLA COPIA DELLA CAUZIONE ED I TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLA STESSA.

Risposta:

Il punto 11.5 è un refuso ( vedi FAQ n° 13) e pertanto non dovrà essere prodotta una copia cartacea. La polizza dovrà essere firmata digitalmente dal fidejussore e dal concorrente e caricata in piattaforma

FAQ n. 16

Domanda:

Nell'analisi prezzi, documento posto a base di gara, è riportato il conglomerato cementizio preconfenzionato XC1, classe di lavorabilità S4, classe di esposizione XS1 XD2 C32/40 (VOCI NP.001.01A) il cui costo corrisponde ad € 105,00 AL M3.

Nella ricerca di fornitori del sopraelencato materiale a Lido di Venezia è emerso che il costo dello stesso corrisponde ad € 140,00 AL M3.. Pertanto si chiedono chiarimenti/delucidazioni al riguardo. 

Risposta:
I chiarimenti richiesti sono contenuti e descritti nell'analisi del prezzo prodotta dal progettista